L’obbligo delle parti di presiedere agli incontri di mediazione si desume dall’art. 8 del D.lgs. 28/2010. Nella mancata partecipazione si deve far rientrare non solo l’assenza ma anche il rifiuto ingiustificato ad iniziare la mediazione vera e propria trattandosi di condotte omissive equivalenti, in quanto atte entrambe a frustrare ogni potenzialità dell’istituto. Tale condotta non collaborativa di parte opposta, contrastando con l’interesse ad ottenere un provvedimento immediatamente esecutivo, induce il giudice a negare la provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo. Tale decisione non è di natura sanzionatoria ma valutativa in quanto parte opposta avrebbe – forse – potuto chiarire ogni elemento prima ancora del giudice onorario se solo avesse accettato di sedersi al tavolo della mediazione.

Leggi Ordinanza