La proposta del giudice ex art. 185bis c.p.c. deve essere rispettata e considerata con serietà e attenzione perché frutto di studio, impegno e fatica e va presa in esame con applicazione e diligenza. Le parti e i loro difensori hanno la responsabilità di valutarla attentamente, di discuterne nel merito e, confrontandosi, anche trasformarla e disarticolarne il contenuto, facendo emergere a verbale dell’udienza di verifica le loro rispettive posizioni. Quello che invece non possono e non è accettabile fare è rifiutarla aprioristicamente basando il rifiuto su un preconcetto o un pregiudizio astratto o peggio, sull’interesse a prolungare la durata del processo.

Leggi Sentenza